immagine

Vuoi ricevere anche

una copia cartacea?

CLICCA QUI

 

Come gli strumenti per la rilevazione ottica di gas promuovono la cultura della sicurezza

Flir

La sicurezza dovrebbe essere sempre un valore fondamentale in presenza di gas potenzialmente pericolosi. FLIR progetta e produce termocamere e sensori e mira ad essere “The World’s Sixth Sense”, per un futuro più sicuro. Le aziende che trattano gas potenzialmente dannosi dovrebbero integrare tecnologie efficaci ed efficienti che garantiscano pratiche operative sicure. I progressi nella tecnologia di rilevazione ottica di gas offrono alle aziende di diversi settori industriali l'opportunità di migliorare la sicurezza e rafforzarne la cultura.

Molte pratiche di sicurezza si basano su dispositivi che si attivano solo entro l'area di minore sicurezza. Il rivelatore di gas indossabile svolge un'importante funzione nella protezione dei lavoratori, sebbene avverta di un pericolo solo quando i lavoratori si trovano già all'interno della nuvola di gas (foto 1). Esistono altre tecnologie che consentono agli operatori di rilevare condizioni di pericolo in un'apparecchiatura, ma alcune funzionano solo se l'utilizzatore si trova in tale condizione.

La rilevazione ottica di gas (OGI) è valutata secondo il concetto di conformità e per soddisfare le normative sulle emissioni le aziende investono in risorse OGI per identificare l'origine di emissioni fuggitive. Sempre più aziende del settore gas e petrolifero adottano strategie per ridurre le emissioni e arginare il cambiamento climatico e rilevano costantemente che la sicurezza apporta vantaggi anche dal punto di vista economico. Ad esempio, la Jonah Energy (Wyoming) utilizza una termocamera FLIR GF320 per rilevare metano e CO: dopo tale implementazione, Jonah Energy ha ridotto le emissioni fuggitive del 75% in diversi anni, con un risparmio di gas di oltre 5 milioni di dollari.

Le utility e le compagnie petrolifere e del gas hanno iniziato a ispezionare con tecnologia OGI componenti che non rientrano nei requisiti normativi per ridurre le emissioni in più punti. Un fattore che ha contribuito ad ampliare l’impiego di tecnologia OGI è la riduzione del costo dei sistemi di imaging di alta qualità. Termocamere non raffreddate, come la FLIR GF77, sono disponibili a prezzi notevolmente ridotti rispetto a modelli OGI raffreddati. Questa convenienza, abbinata alla volontà di sfruttare la tecnologia OGI in nuovi modi, ha portato le aziende a rivalutare il rapporto tra dispositivi di sicurezza e personale. 

Un vantaggio in materia di sicurezza sono le prestazioni di visualizzazione delle termocamere OGI: a differenza di altri strumenti una termocamera OGI consente di visualizzare condizioni di rischio a distanza di sicurezza. Il personale di una raffineria con strumenti OGI può giudicare se un'area è contaminata da un accumulo di gas tossico senza esporsi al gas, come avviene con rilevatori indossabili che emettono un allarme solo a contatto con il gas. Allo stesso modo i lavoratori incaricati di misurare il livello in serbatoi di grandi dimensioni possono valutare le caratteristiche di emissione prima di entrare in contatto con una nuvola di gas. Con OGI, gli addetti possono scansionare l'area nella direzione del vento per scegliere la posizione più sicura sulla passerella o, se non viene rilevata alcuna emissione di gas, dichiarare l'area sicura a 360 gradi per eseguire misurazioni in sicurezza. OGI fornisce agli operatori informazioni precise e attendibili sui pericoli presenti nelle vicinanze senza rischio di esposizione.

 

Per ulteriori informazioni sulla termocamera Flir GF77:
www.flir.com/GF77

TORNA INDIETRO
Abbonati per accedere

L'accesso alle versione online è gratuito,

selezionando la voce a sinistra

 

Labostore