immagine

Vuoi ricevere anche

una copia cartacea?

CLICCA QUI

 

AB, il leader della cogenerazione al servizio dello sviluppo di tecnologie green nei biocarburanti e nel trattamento delle emissioni in atmosfera

AB Energy Spa

Per noi di AB la sostenibilità è un impegno prioritario, che non conosce sosta. Un modo di essere e di operare per migliorare il mondo di oggi con lo sguardo verso il futuro.

Le nuove sfide che le aziende devono affrontare richiedono competenza, organizzazione industriale e un tempestivo supporto nell’esercizio e manutenzione di sistemi sempre più complessi. Le società del Gruppo AB operano a 360° sia nell’ambito della cogenerazione a gas naturale, con lo scopo di aumentare l’efficienza energetica e la competitività delle industrie, sia nel settore della valorizzazione delle fonti energetiche rinnovabili, come biogas e biometano, senza dimenticare il trattamento delle emissioni in atmosfera, garantendo per ogni opzione il massimo rendimento globale possibile. Scegliere un impianto AB significa avvalersi di un prodotto industriale progettato e realizzato internamente, preassemblato nello stabilimento produttivo di Orzinuovi (BS) e testato prima della spedizione al cliente. L’installazione è rapida e non necessita di interventi costruttivi in opera. Gli impianti AB sono dotati di un sistema di monitoraggio e supervisione centralizzato, che consente il controllo da remoto di tutti i parametri. In aggiunta, AB assicura un servizio di manutenzione post vendita che garantisce l’assistenza h24 per 365 giorni all’anno, con disponibilità di pezzi di ricambio originali.

 

Azienda agricola La Castellana, primo m3 di biometano agricolo immesso in rete

Alcuni mesi fa, siamo stati particolarmente orgogliosi di festeggiare un traguardo molto importante: l’immissione in rete del primo metro cubo di biometano prodotto in Italia a partire da scarti agro-zootecnici. Protagonista l’azienda agricola La Castellana situata a Corbetta (in provincia di Milano), che ha deciso di avvalersi di BIOCH4NGE®, la tecnologia di upgrading AB, per la produzione di biometano. Come funziona il processo Il biogas proveniente dal digestore anaerobico è carico di acqua e sostanze inquinanti che devono essere rimosse per garantire il buon funzionamento del sistema di upgrading e ottenere un biometano adatto all’immissione in rete, destinato al settore dei trasporti. La prima fase del processo è dedicata a questa purificazione. Inizialmente, il flusso viene trattato nel sistema di “Trattamento Biogas” attraverso una prima filtrazione, nonché l’eliminazione dell’acqua, condensata per raffreddamento tramite un apposito scambiatore ad acqua refrigerata. Il gas deumidificato viene compresso, ulteriormente raffreddato, attraverso un secondo scambiatore e inviato alla successiva fase di trattamento, a carboni attivi, in condizioni di pressione e temperatura ottimali. Attraversando il letto di carboni attivi, il biogas viene depurato dagli inquinanti ancora presenti (H2S, VOCs). La configurazione dei carboni, in versione “Lead-Lag”, introduce la massima flessibilità attraverso una serie di valvole che consentono l’inversione dei flussi, il bypass e il sezionamento del singolo filtro, garantendo quindi l’affidabilità e la continuità di servizio. Il biogas pretrattato e purificato è quindi pronto per l’upgrading vero e proprio, ossia la separazione del metano dal diossido di carbonio: il gas viene compresso affinché possa attraversare più stadi di membrane che separano il CO2 dal CH4. Il processo è così ottimizzato in termini di consumi e consente di ottenere un biometano dalle caratteristiche desiderate per i diversi impieghi, massimizzando l’efficienza di recupero del CH4 dal biogas. La tecnologia BIOCH4NGE® è adatta alla purificazione del biogas prodotto a partire da diverse matrici (agrozootecniche, FORSU e fanghi di depurazione delle acque).

Dätwyler: energia elettrica, termica e frigorifera con il trigeneratore AB

Abbiamo cura del nostro pianeta e lo proteggiamo. Questo il motivo che ha spinto Dätwyler Pharma Packaging Italy Srl ad avvalersi di un impianto di trigenerazione AB per autoprodurre energia elettrica, termica e frigorifera, a fronte di un consumo di una singola risorsa, il gas naturale. Il trigeneratore ECOMAX® fornito da AB è progettato per coprire i fabbisogni energetici dell’intero sito produttivo e aumentare significativamente l’efficienza energetica, riducendo del 70% l’acquisto di energia dalla rete pubblica, con una conseguente diminuzione di CO2 di circa 900 tonnellate all’anno. Un risparmio sui costi dunque, che comporta anche un vantaggio economico e ambientale a lungo termine. “Siamo particolarmente orgogliosi di essere stati scelti da una realtà così all’avanguardia e proiettata nel futuro dal punto di vista farmaceutico, economico ed ambientale”, ha dichiarato Angelo Baronchelli, Presidente di AB. “Poter supportare un’eccellenza internazionale del settore farmaceutico come il Gruppo Dätwyler con la nostra esperienza in un settore come l’efficienza energetica è per noi motivo di soddisfazione e una spinta ulteriore a migliorarci”.

 

AB Energy Spa
Via Caduti del Lavoro, 13
25034 Orzinuovi (BS)
Tel. +39 030 9400100
info@gruppoab.it | www.gruppoab.com

TORNA INDIETRO
Abbonati per accedere

https://www.pointvet.it/web/media/FB-vischi_SV.jpg

 

L'accesso alle versione online è gratuito,

selezionando la voce a sinistra

 

Flir Sl124_2020

Flir termocamera ogi

Labostore