immagine

Vuoi ricevere anche

una copia cartacea?

CLICCA QUI

 

EDITORIALE   

Crescita lenta per il settore chimico dell'Ue

Gabriella Carcassola

NEWS   

a cura della Redazione

ATTUALITÀ   

IEA

Sistema energetico globale, quali possibili futuri?

a cura di Veronica Barbarossa

Mentre la geografia del consumo energetico si sta spostando sempre più verso le economie in via di espansione, prime fra tutte quelle asiatiche, l’Agenzia internazionale per l’Energia (International Energy Agency, IEA), nel suo documento di punta, World Energy Outlook 2018, rileva segnali contrastanti e sottolinea che quello attuale è un momento di crescente incertezza.

DOSSIER - Movimentazione e gestione dei fluidi   

Movimentazione fluidi, un settore in espansione

Marco Colombini

Un mercato in espansione quello delle pompe, stimolato anche dalla ripresa del prezzo del barile negli ultimi anni, che ha permesso investimenti nel settore Oil&Gas con positive ricadute su tutto il comparto.

Circular economy e movimentazione dei fluidi

Marco Colombini

Il materiale di scarto delle pompe avviate alla rottamazione può essere un’opportunità. Sempre più aziende stanno sostituendo la vecchia economia lineare con l’economia circolare, contribuendo a ridurre il costo della materia prima e la pressione ambientale.

OUTLOOK   

Idrogeno

Transizione energetica, il ruolo dell'idrogeno

Gabriella Carcassola

Uno dei principali problemi delle energie rinnovabili è la necessità di stoccarle e di poterle utilizzare quando necessita. Si tratta di una questione ben nota a tutti, così come sono ben noti il progressivo aumento del contributo ai fabbisogni energetici da parte delle rinnovabili e la necessità di poter disporre di un sistema di alimentazione decisamente più flessibile. E l’idrogeno potrebbe essere il “collegamento mancante”.

Trivellazioni e sismi

Estrazione di gas, il rischio sismico associato alle trivellazioni

a cura di Federico Marchese

Un’indagine rivela che l’aumento delle trivellazioni per l’estrazione del gas a Groningen, il più grande giacimento di gas europeo, ha provocato, tra il 2001 e il 2013, un drammatico aumento dei terremoti, mentre dopo la riduzione delle attività estrattive, il numero di terremoti ha iniziato a diminuire. Secondo un’analisi statistica, se i ritmi di estrazione venissero riportati ai livelli massimi, si potrebbero verificare, a partire dal 2021, circa 35 terremoti, con una magnitudo superiore a 1,5 della scala Richter, di cui 4 con una magnitudo superiore a 2,5.

OutlookNEWS   

a cura della Redazione

GREENWORLD   

Alternative alle materie prime

Materie prime, come valutare se sostituirle conviene

Sergio Valente

Se l'UE intende combattere la scarsità di risorse, è necessario sviluppare e affinare le strategie per sostituire le materie prime con alternative sostenibili, come i materiali recuperati dai rifiuti. Viene descritto un nuovo approccio per valutare la sostenibilità dei sostituti delle materie prime basato sulla quantificazione dell’energia incorporata e sull’impronta di carbonio sia della materia prima sia della possibile alternativa. Il metodo è stato applicato a un caso reale: sostituire la calcite con ceneri volanti stabilizzate da utilizzare come riempitivi in materiali compositi contenenti polipropilene destinati alla produzione della plastica.

Produzione di etilene

Un nuovo MOF per rendere la produzione di plastica più sostenibile

Mariangela Trovato

Un innovativo materiale adsorbente potrebbe presto ridurre il costo ambientale della produzione di plastica. Creato da una squadra internazionale di scienziati, la nuova struttura metallorganica è infatti in grado di ottenere l’etilene, l’ingrediente chiave del polietilene, consumando molta meno energia rispetto alle tecniche di produzione classiche.

Acque contaminate

Farmaci nelle acque reflue, un trattamento ne rimuove fino al 95%

a cura di Diego Calchera

Attualmente, il rilascio di composti farmacologicamente attivi nelle acque provenienti da impianti di trattamento non è regolamentato in nessun Paese, fatta eccezione per alcuni impianti in Svizzera. Eppure, migliaia di molecole farmacologiche attive e i loro sottoprodotti sono presenti nelle acque reflue e sono potenzialmente in grado di impattare negativamente sulla biodiversità quando rilasciati nei corsi d’acqua.

greenWorldNEWS   

a cura della Redazione

AGENDA   

a cura della Redazione

CASE HISTORY   

Il fotovoltaico per le aziende, tra innovazione e industria 4.0

L'accesso alle versione online è gratuito,

selezionando la voce a sinistra